Studiare musica senza interruzioni. Miraggio o realtà?

Un esercizio davvero impegnativo!

Domenica scorsa Tiziano mi ha preso da parte e mi ha “costretto” a una sessione di studio con lui. Si è infatti accorto che sto un po’ arrancando con un esercizio speciale del suo libro, e ha deciso di sbloccare la situazione.

Ha detto che non posso usare il suo metodo come pare a me… o lo faccio come si deve, o non va bene 😳 Hai presente il vecchio refrain della pubblicità anni Ottanta “O così o Pomì”? Ecco una cosa simile 🤣

L’esercizio in questione è molto particolare e a mio avviso davvero a prova di nerd, ma serve praticamente per tutto, se lo fai bene e alle velocità richieste. Agilità delle dita, cura e omogeneità del suono, destrezza della mano destra, allargamento della mano sinistra, conoscenza perfetta della tastiera, orecchio, concentrazione ecc…

Insomma tanta roba. Ma ovviamente per avere tanti vantaggi in un unico esercizio, questo deve essere veramente complesso. Non entro nel vivo, ti dico solo che riguarda le forme orizzontali delle scale, sviluppate in maniera molto particolare su tutta l’estensione del manico a salire e scendere… Insomma ripeto, una prova assai tosta, almeno per me!

Continua a leggere

Annunci

Improvvisazione per principianti – L’elemento più importante in assoluto

I 3 elementi di base di un assolo

Tra le tante riflessioni ed emozioni che ho provato iniziando a improvvisare col basso elettrico (perché non lo avevo praticamente mai fatto con nessun altro strumento), ce n’è una in particolare che ti voglio trasmettere.

Ci tengo tantissimo perché credo che sia la cosa in assoluto più importante per imparare a improvvisare anche se si è super principianti. Una sorta di faro nella notte in grado di aiutarti a tenere sempre la strada anche se è da pochissimo che guidi l’auto… anzi il basso elettrico!

Mi spiego meglio.

Quando improvvisi un assolo vai a creare delle frasi musicali di tua invenzione, più meno veloci, più o meno fantasiose, più o meno in sintonia con il brano musicale su cui stai suonando. Diciamo che dai libero sfogo alla tua creatività per esprimere ciò che senti in quel momento (non è esattamente così, ma facciamo per capirci).

Per fare tutto ciò, hai a disposizione 3 elementi di base per creare un assolo. Sono sempre gli stessi e fanno parte dell’essenza stessa della musica: Continua a leggere

Il mio primo saggio di musica col basso elettrico

19 maggio 2018: una data da ricordare!

Quando ho iniziato a suonare il basso elettrico circa un anno e mezzo fa, un po’ per gioco un po’ per lavoro, io mi vedevo così. Uscire dopo una vita “dall’armadio” (è un modo di dire x chi ha paura di suonare in pubblico) e salire su un palco. E il caso ha voluto che il palco dove ho ballato per la prima volta danza orientale tanti anni fa, è lo stesso dove ho debuttato col basso!

Grazie di vero cuore a tutti i ragazzi della scuola FRA LE QUINTE per avermi coinvolta nel loro saggio spettacolo, che gran regalo che mi avete fatto, e grazie per tutti gli aiutini dati in prove e non 😅 (Alessio, Catia, Francesco, Alberto ecc…).

Arriveranno le foto ufficiali di sabato scorso, ma intanto ne condivido un paio di Alessio Alberghini, che teneva d’occhio la situation da dietro le quinte!

Qualche bel paciughino l’ho fatto, digiamolo, ma anche alcune cose ben riuscite 😜

Sai qual è stata la cosa in assoluto più emozionante della serata?

Continua a leggere

Una proposta irresistibile: impossibile dire di no!

E un giorno ricevi un messaggio su WhatsApp che ti fa svoltare la giornata. Anzi, ti manda proprio in tilt… Quello per cui hai lavorato per circa un anno e mezzo sta finalmente per diventare realtà!

OK, di cosa si tratta?

In pratica, il direttore di una scuola di musica locale (che conosco personalmente da molti anni), sapendo che studio il basso, mi ha contattato per propormi di partecipare al saggio di fine anno in qualità di bassista, inserendomi in due gruppi della sua scuola. Il grande giorno sarà il prossimo 19 maggio 2018.

Che emozione!

Poter finalmente suonare con altri musicisti, con la batteria in particolare, partecipare a  vere e proprie sessioni di prova guidate dagli insegnanti della scuola, e poi provare l’ebrezza di stare sul palco… Il tutto come bassista… che storia!

Ovviamente, verificato che orari e giorni delle prove erano ok per me, ho accettato subito con un entusiasmo da adolescente. Era lì che volevo arrivare, sin da quando ho messo mano allo strumento per la prima volta.

Smettere di essere una pianista da armadio e diventare una bassista da palco 😀

Due parole sui due gruppi e sui brani da preparare. Continua a leggere

The Year of the Cat – un brano smarrito e poi ritrovato!

Vi è mai capitato di conoscere alla perfezione un brano di musica, perché magari sentito in radio mille volte, ma non aver mai saputo né il titolo né il nome del gruppo o del cantante? A me spessissimo… Non so mai niente!

E così una sera di alcuni mesi fa, mentre ero in auto, sentii per l’ennesima volta questo pezzo che conoscevo benissimo ma di cui ignoravo totalmente autore e titolo. Come ogni volta mi ha rapito per la sua bellezza infinita, tanto che avrei potuto continuare a guidare ore e ore senza meta 😀

Tra l’altro mi dissi che un giorno l’avrei anche suonato, perché la linea di basso mi sembrava molto bella e non particolarmente complicata.

E così quando sono rientrata a casa ho voluto venirne a capo. Dovevo assolutamente scoprire di che pezzo si trattava. Ma niente, non c’è stato verso.

Continua a leggere